La rotonda Russolillo: intervista a Carmine Petrone PDF Stampa E-mail
Martedì 09 Ottobre 2012 10:12

Questa l'intervista rilasciata dal Cav. Carmine Petrone sul periodico "L'informazione di Soccavo e Pianura" a proposito del recente restauro della Rotonda Russolillo da parte delle Farmacie Petrone.

Qui il link all'articolo originale


"I pianuresi sono persone perbene ed educate che hanno la mia fiducia".
Lo incontriamo nella sua azienda in via Gentileschi a Pianura dove, con fare discreto, passa da un ufficio all’altro incontrando e supportando i suoi impiegati. Oltre agli infaticabili operai, addetti alla preparazione dei colli da spedire in ogni parte del mondo, ci sono impiegati altamente specializzati nella rete che il gruppo Petrone ha creato e sviluppato in circa 60 anni di attività. Ciò che salta subito agli occhi è il clima di familiarità (si avverte una contagiosa cordialità) con cui questa piccola grande comunità affronta la giornata lavorativa. Il Dottor Carmine Petrone, leader del gruppo,

è sempre presente di buon mattino condividendo il lavoro con gli addetti di ogni settore della sua impresa. Proprio a questo indiscusso imprenditore, già insignito nel 2010 dal Presidente Napolitano del titolo di Cavaliere del Lavoro, abbiamo chiesto cosa significhi e comporti fare impresa a Pianura partendo dai motivi dalla sua “adozione” dell’aiuola don Giustino. “Dopo 30 anni di attività a Pianura mi sento un pianurese di adozione e posso affermare che i pianuresi sono persone molto educate e a modo. Nelle altre parti della città dove opero, spesso, non trovo la stessa buona educazione. Sono nato nell’alta Irpinia, a S. Nicola Baronia, e, quindi, la terra e il verde per me sono una priorità perché rappresentano la vita. Anche in questa nostra azienda cerco di piantare alberi e verde dove posso. Vedere l’aiuola di Don Giustino sempre piena di immondizia ed abbandonata per me è diventata una cosa inaccettabile. Oltre un anno fa, quindi, dopo essere stato multato per aver curato un altro spazio abbandonato, ho fatto la richiesta per adottare la rotonda anticipando l’iniziativa del Comune e de “Il Mattino” col progetto “Adotta un’aiuola”. Oltre al rifacimento dell’impianto elettrico e quello dell’innaffiamento automatico, abbiamo piantato quattro alberi di chorisia speciosa che producono fiori da ottobre a dicembre ed un manto erboso cercando di ridare un decoro adeguato all’ingresso di un quartiere cittadino e alla figura del Beato. Tengo a precisare che sulla scorta della buona educazione con cui identificavo i pianuresi le fioriere messe circa 30 anni fa contro i pareri di molte persone sono ancora li integre e floride. Spero che la stessa integrità e rispetto siano garantiti anche per la rotonda”.

 

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie policy page.

OK